Would you like to react to this message? Create an account in a few clicks or log in to continue.

Violenza, violenza senza alcuna ragione.

Go down

Violenza, violenza senza alcuna ragione. Empty Violenza, violenza senza alcuna ragione.

Post by Shelby on Tue 26 Feb 2008, 00:32

Tempo fa ho fatto un topic su Federico Aldrovandi, che riguardava prevalentemente la violenza gratuita e insensata con cui 4 poliziotti hanno ucciso, una mattina, un ragazzo solo. Un evento che è accaduto senza motivo, almeno così sembra. Avevo chiesto giustizia per Aldrovandi.

Oggi sulla Repubblica c'è questo articolo:

"Umiliazioni, pestaggi, sputi, ecco l'inferno della Bolzaneto"

Parla di Genova, del G8, di quell'evento che è diventato la tomba di un ragazzo: Carlo Giuliani.

Lo quoto per evitarvi la fatica di aprilo:

di MASSIMO CALANDRI

GENOVA - Qualcuno dovrà pure spiegare l'odio e la violenza, la barbarie, la crudeltà gratuita. L'accanimento. Gli insulti, le umiliazioni, le botte. I capelli tagliati a colpi di forbice, gli sputi, i volti marchiati, le dita spezzate. Qualcuno dovrà spiegare, ed assumersene le responsabilità.

Nella seconda udienza dedicata alla requisitoria del processo per le violenze e i soprusi nella caserma di Bolzaneto, i pubblici ministeri si sono concentrati sull'attendibilità dei testi. Spiegando che non furono solo le 209 vittime a raccontare nei dettagli l'orrore di quei tre giorni, ma che gli stessi imputati generali, funzionari di polizia, ufficiali dell'Arma, guardie carcerarie, poliziotti, carabinieri, medici hanno più o meno direttamente confermato quegli sconcertanti resoconti.

Vale allora la pena di riportare alla lettera una parte dell'intervento di Vittorio Ranieri Miniati, a nome anche dell'altro pm, Patrizia Petruzziello. Un breve elenco di fatti specifici accaduti nel "carcere del G8". Una esemplare tessera del mosaico. Miniati cita ad esempio "le battute offensive e minacciose con riferimento alla morte di Carlo Giuliani o di alcuni motivi parafrasati a scopo di scherno". "Per la giornata di venerdì, in particolare: il malore di Angelo Rossomando e quello di Karl Schreiter. Il taglio di capelli di Taline Ender e Saida Teresa Magana. Il capo spinto verso la tazza del water a Ester Percivati. Lo strappo della mano di Giuseppe Azzolina. le ustioni con sigaretta sul dorso del piede a Carlos manuel Otero Balado, percosso tra l'altro sui genitali con un grosso salame. Le percosse con lo stesso grosso salame sul collo di Pedro Chicarro Sanchez".

"Per la giornata di sabato, in particolare: il malore di Katia Leone per lo spruzzo in cella di spray urticante. Il malore di Panagiotis Sideriatis, cui verrà riscontrata la rottura della milza. Il pestaggio di Mohammed Tabbach, persona con arto artificiale. Gli insulti a Massimiliano Amodio, per la sua bassa statura. Gli insulti razzisti a Francisco Alberto Anerdi per il colore della sua pelle. Le modalità vessatorie della traduzione di David Morozzi e Carlo Cuccomarino, che vengono legati insieme e le cui teste vengono fatte sbattere l'una contro l'altra".

"Per la domenica, in particolare: il malore di Stefan Brauer in seguito allo spruzzo di spray urticanti, lasciato con un camice verde da sala operatoria al freddo. Il malore di Fabian Haldimann, che sviene in cella ove è costretto nella posizione vessatoria. L'etichettatura sulla guancia, a mo' di marchio, per i ragazzi arrestati alla Diaz nel piazzale al momento dell'arrivo a Bolzaneto. La sofferenza di Anna Julia Kutschkau che a causa della rottura dei denti e della frattura della mascella non è neppure in grado di deglutire. Il disagio di Jens Herrrmann, che nella scuola Diaz per il terrore non è riuscito a trattenere le sue deiezioni e al quale non è consentito di lavarsi. La particolare foggia del cappellino imposto a Thorsten Meyer Hinrrichs: un cappellino rosso con la falce ed un pene al posto del martello, con cui è costretto a girare nel piazzale senza poterlo togliere". Per chi lo avesse dimenticato, i responsabili di questi episodi sono uomini dello Stato. Quello che ci dovrebbero proteggere dai criminali.

(25 febbraio 2008)

Voglio sapere che ne pensate, se è davvero possibile che tutto ciò ancora accada.
Shelby
Shelby
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 960
Age : 41
Città : Bologna
Registration date : 2007-12-09

http://essemmesse.blogspot.com/

Back to top Go down

Violenza, violenza senza alcuna ragione. Empty Re: Violenza, violenza senza alcuna ragione.

Post by Shelby on Tue 26 Feb 2008, 00:45

Mi dispiace intervenire ancora, potrebbe certo sembrare che ci sono solo io, ma non riesco a non pensare a quanto male fa tutto questo, a quanta umiliazione gratuita questa gente ha sopportato, e poi per cosa? per quale crimine?

Queste sono torture, mi fa schifo pensare che siano accadute e che ci siano persone che ancora lo negano.

Poi, sempre leggendo la Repubblica, mi è venuto sottomano il titolo di quest'altro articolo:

Monito del Papa ai medici
"La vita va rispettata sempre"

Meno male, ho pensato.
Shelby
Shelby
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 960
Age : 41
Città : Bologna
Registration date : 2007-12-09

http://essemmesse.blogspot.com/

Back to top Go down

Violenza, violenza senza alcuna ragione. Empty Re: Violenza, violenza senza alcuna ragione.

Post by Jocchan on Tue 26 Feb 2008, 01:48

Tutta la società mediante le sue istituzioni sanitarie e civili - ha detto il Papa - è chiamata a rispettare la vita e la dignità del malato grave e del morente.
Certo, lasciarlo morire fra (spesso atroci) sofferenze è il massimo del rispetto per la sua vita e la sua dignità.
Jocchan
Jocchan
Testa di bitume
Testa di bitume

Number of posts : 489
Age : 100
Città : Bologna
Registration date : 2007-12-09

http://www.jojodomain.tk

Back to top Go down

Violenza, violenza senza alcuna ragione. Empty Re: Violenza, violenza senza alcuna ragione.

Post by Ninus on Tue 26 Feb 2008, 11:56

Questa è la loro idea di democrazia. Il problema non credo stia nel fatto che siano stati torturati degli innocenti, ma è di principio.
Nessuno difenderebbe da una tortura persone che abbiano fatto reati raccapriccianti, ad esempio omicidi, lesioni gravi come amputazione di arti od altro, bambini sciolti nell'acido, stupri con o senza susseguente omicidio e per molti altri reati.
La maggior parte delle persone direbbe "ben gli sta" "dovrebbero rompergli il collo" c'è chi grida ancora alla pena di morte (abolita per la prima volta al mondo in Toscana dal granduca Pietro Leopoldo, ancora oggi il 30 novembre è festa in Toscana).
Sono sentimenti umani, la sete di vendetta, che sarà riabilitata da alcuni ed osteggiata e descritta come un retaggio del passato uomo animale da altri.
Sin quando ci sarà l'appoggio morale dato alle forze dell'ordine di torturare la persona che ha fatto il delitto più disgustoso al mondo, il problema della tortura non verrà risolto.
Infatti basta far passare chiunque per uno che mette "a rischio la società" che la maggior parte di quelle persone appoggeranno tale operato.
Se vai per strada le persone ti dicono "e certo che dovevano fare? stava sfasciando tutta la città, pensate ai poveri cittadini chiusi in casa".
Basta far passare una persona come altamente pericolosa che subito le forze armate avranno tale appoggio morale.
Come distingueva Kant tra il modo di ragionare con la legge dell'utile o con l'imperativo categorico riconducibile alla morale, bisognerebbe dichiarare la tortura immorale SEMPRE, sennò si finsice in queste situazioni.
Cos'è successo in quegli stati dove la schiavitù non è stata considerata sempre negativa? Nella Germania nazista si mandavano non solo persone di religione ebraica alla morte, ma i polacchi venivano internati nei campi di lavoro, pagati con un tozzo di pane per lavori assurdi, lo stesso nella Russia di Stalin.
Naturalmente mentre scrivo tutto ciò ho un ingarbugliamento dello stomaco, poichè forse sono cosciente del fatto che non sarei capace in situazioni come delitti assurdi a persone care di non provare sete di vendetta.
E' una questione forse irrisolvibile quella della tortura e della violenza che rende forse inutile la distinzione tra uomini ed altri animali basata sul fatto che l'uomo ragiona e sa controllare la violenza perchè non porta a nulla rispetto agli animali.
Dopo la rivoluzione francese si mantenne l'arresto per debiti, al grido property is liberty s'incarceravano e si mettevano a pane ed acqua i debitori insolventi...le persone salvo pochissimi "intellettuali" erano favorevoli, o almeno non condannavano moralmente tutto ciò.
Mi pare difficile, l'uomo non è perfetto, e l'unica cosa che ci resta da fare è quella di denunciare ogni volta che capitano, e capiteranno sempre violenze ingiustificate (a volte giustificate dalla morale dei più o di pochi) è far dare le pene a persone terze, i giudici, sennò si finisce nella faida.
In questo caso erano persone innocenti ma fin quando non riterremo moralmente ingiusto anche per i peggiori criminali la tortura le forze armate si sentiranno dietro "l'intero paese" "il popolo".

Ciao
Ninus
Ninus
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 710
Città : natale
Registration date : 2007-12-29

Back to top Go down

Violenza, violenza senza alcuna ragione. Empty Re: Violenza, violenza senza alcuna ragione.

Post by Shelby on Sat 26 Apr 2008, 17:03

Questo è un video di testimonianze, cioè di persone che erano lì, alla Bolzaneto e prima alla scuola elementare, e sono state picchiate e torturate.

Non posso smettere di pensare a chi queste cose le ha visstute e che ne porta i segni, tutto per la pazzia e l'esaltazione di quanti pensano di potersi permettere tutto, tanto nessuno può far loro nulla.

Shelby
Shelby
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 960
Age : 41
Città : Bologna
Registration date : 2007-12-09

http://essemmesse.blogspot.com/

Back to top Go down

Violenza, violenza senza alcuna ragione. Empty Re: Violenza, violenza senza alcuna ragione.

Post by Sponsored content


Sponsored content


Back to top Go down

Back to top


 
Permissions in this forum:
You cannot reply to topics in this forum