Would you like to react to this message? Create an account in a few clicks or log in to continue.

In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by Ninus on Fri 06 Jun 2008, 16:48

Poco fa sono stato colpito da questa "quasi notizia" del portale Virgilio ahimè messo come homepage...

La cosa sconvolgente è leggere i commenti... il fatto è che di solito accede ad internet la parte meno analfabeta della popolazione, e nonostante questo ecco i commenti che si trovano:

SBATTIAMOLI FUORI
ANNO 0- E' veramente zero quella trasmissione sfacciatamente "ROSSA". Santoro, Travaglio e quell'altra cretinetta insignificante andassero a lavorare altrove. Le loro trasmissioni iniziano e finiscono - SEMPRE e SOLO" parlando male di Berlusconi. E' onesto e corretto ciò?

NON NE POSSIAMO PIU'
BASTA CON QUESTO SANTORO, PREPOTENTE E FAZIOSO COME NON MAI FUORI DALLE BALLE VISTO CHE LO PAGO ANCH'IO E CON LUI VIA ANCHE L'ANNUNZIATA ALTRA COMUNISTA DI MMM.....DA

la scorrettezza non paga
era ora cosi non rompe più con i suoi modi arroganti, penso che se aveva bisogno di lavorare si sarebbe comportato meglio, quindi è bene che lo cacciano

MISERIA
LE MISERIE DI SANTORO NON INTERESSANO A NESSUNO; PRIMA SE NE VA E MEGLIO E', LASCIANDO SPAZIO A QUALCUNO PIU' INTELLIGENTE E MENO MISERABILE DI LUI.-

MAI VISTO
FATE COME ME NON HO MAI VISTO UNA TRASMISSIONE DI SANTORO.SICURAMENTE NON ESITEREBBE.

tv-spazzatura-
eltroni finalmente afferma di essersi rinnovato,
io ci credo, pertanto di buffoni .... di questo tipo ne DEVE farne a meno, è bene che spariscano dalla tv di stato e da qualsiasi altra tv privata.Gli italiani non bevono più "a boccia",
è l'ora di finirla di fare disinformazione di parte.
FINALMENTE PENSIONATELO A VITA E MANDA
TELO IN MEDIO ORIENTE INSIEME AI BEDUINI-
SE LO VORRANNO-

canone rai
basta di qesti social comunisti come santoro, celentano, fazio, annuziata, che vadano a lavorare x mille euro al mese almeno la fiscono di fare propaganda politica con nostri soldi.

x santoro
finalmente finirebbero tutte la faziosita'.
una persona in meno che cerca di indottrinarti,
sarebbe una buona cosa.

qui si manda un giudice a vendere patate...

benissimo
Finalmente l'ha capito anche la sinistra che Santoro è un fazioso. Lo sanno tutti meno il giudice del lavoro che lo ha reintegrato. In un paese normale questo giudice sarebbe mandato a vendere patate!

Tranne 2-3 commenti, sono tutti così...

eccone uno scherzoso

via Santoro
Anch'io ipotizzo che tutti i maggiori comuni italiani titolino una strada importante ad un pioniere dell'informazione che ha lavorato in uno stato ostile.

o uno ormai abbattuto

VELINE AL POSTOSUO
METTIAMOCI DUE BELLE VELINE CHE STANNO BENE DA PER TUTTO E SANTORO BE PAZIENZA TANTO LUI PARLA E NESSUNO LO ASCOLTA

Domanda: in che razza di paese viviamo?
Ninus
Ninus
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 710
Città : natale
Registration date : 2007-12-29

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by ilSignorCarlo on Fri 06 Jun 2008, 20:47

Beh, questi esprimono sentimenti tipicamente berlusconiani. E' gente che a furia di sentire Berlusconi, inizia a parlare come lui, senza fermarsi un attimo a ragionare.

Prendiamo questo commento:

NON NE POSSIAMO PIU'
BASTA CON QUESTO SANTORO, PREPOTENTE E FAZIOSO COME NON MAI FUORI DALLE BALLE VISTO CHE LO PAGO ANCH'IO E CON LUI VIA ANCHE L'ANNUNZIATA ALTRA COMUNISTA DI MMM.....DA

Che argomentazione è?
Dice che lo paga anche lui... immagino si riferisca al canone, o a Santoro stesso, non so. In ogni caso, chiunque paghi, lo pagano anche tutti gli altri. Quindi ognuno di noi, secondo questo ragionamento, avrebbe diritto di scegliere chi sta in tv e chi no :D

Un altro dice che è una trasmissione che non fa altro che parlar male di Berlusconi. Tipico argomento di Berlusconi.

C'è poco da fare... fin quando ci sarà un personaggio con la faccia di culo di mettere la propria immagine e il proprio tornaconto personale prima della morale, del senso etico, della giustizia e di tutto il resto, con la capacità di incanalare il malcontento del popolo a proprio favore, al punto che tutti questi si sentono un po' Berlusconi, beh... finché sarà così, cambierà ben poco.

_________________
Qualcuno si è lamentato della mia vecchia firma e, quindi, l'ho sostituita con questa.
ilSignorCarlo
ilSignorCarlo
Silvio Berluschino
Silvio Berluschino

Number of posts : 1417
Age : 39
Registration date : 2007-12-09

http://www.blogdegradabile.net

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by Shelby on Sat 07 Jun 2008, 00:01

Non siamo un Paese civile, io non trovo altre parole per esprimere la pochezza di quanto espresso da quei signori lì.

Non saremo mai persone civili finché esisteranno razzismo e pregiudizio e non sarà migliore la società se un'intera classe politica, non una parte, ma tutta, considererà normale tappare la bocca a chi informa.
Shelby
Shelby
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 960
Age : 41
Città : Bologna
Registration date : 2007-12-09

http://essemmesse.blogspot.com/

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by Jocchan on Sat 07 Jun 2008, 17:01

Ninus wrote:La cosa sconvolgente è leggere i commenti... il fatto è che di solito accede ad internet la parte meno analfabeta della popolazione
Lo pensavo anche io prima di iniziare a leggere i commenti (non solo italiani) su Youtube.
Davvero, c'è da mettersi le mani ai capelli.
Jocchan
Jocchan
Testa di bitume
Testa di bitume

Number of posts : 489
Age : 100
Città : Bologna
Registration date : 2007-12-09

http://www.jojodomain.tk

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty , e nonostante questo ecco i commenti che si trovano:

Post by Kujo on Sat 07 Jun 2008, 17:15

Ninus wrote:La cosa sconvolgente è leggere i commenti... il fatto è che di solito accede ad internet la parte meno analfabeta della popolazione

Ormai ho abbandonato il - confortante sotto un certo punto di vista - pensiero "Chi vota Berlusconi è ignorante"* .
Tra la sempre maggiore diffusione di internet e due anni di TV non completamente controllata da Silvio (mi riferisco ai vari Travaglio, Santoro, Luttazzi... che dicevano quello che magari avrebbero voluto dire anche prima) la gente ha e ha avuto gli strumenti per capire tutto quello che doveva capire.
Nonostante ciò molti continuano a remare in quella direzione, quella che hai quotato nel tuo post.
Ormai il danno è fatto. Speriamo nella prossima generazione In che paese viviamo? Che livello di cultura? 743293





* "Chi vota" per semplificare.
Poi mi riferisco insomma a tutti quelli che hanno le sue visioni, sbagliate, delle cose. Della satira, dell'informazione, della faziosità, della televisione, del potere etc...
Kujo
Kujo
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 606
Registration date : 2007-12-09

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by ilSignorCarlo on Sat 07 Jun 2008, 17:38

Kujo wrote:
Ormai ho abbandonato il - confortante sotto un certo punto di vista - pensiero "Chi vota Berlusconi è ignorante"* .
Tra la sempre maggiore diffusione di internet e due anni di TV non completamente controllata da Silvio (mi riferisco ai vari Travaglio, Santoro, Luttazzi... che dicevano quello che magari avrebbero voluto dire anche prima) la gente ha e ha avuto gli strumenti per capire tutto quello che doveva capire.
Nonostante ciò molti continuano a remare in quella direzione, quella che hai quotato nel tuo post.
Ormai il danno è fatto. Speriamo nella prossima generazione In che paese viviamo? Che livello di cultura? 743293

Beh, oddio, non è mica così. Pensa a tutti quelli che hanno sempre creduto ciecamente in Berlusconi.

A un certo punto si ritrovano con il loro idolo che perde le elezioni, quindi sono dispiaciuti, delusi, incazzati. In più questo loro idolo non fa altro che dire che le elezioni sono state truccate dalla diabolica sinistra. Già tutta questa gente ha subìto il lavaggio del cervello, perché altrimenti non si spiega perché creda a Berlusconi. In ogni caso, continuerà a credergli.

Il fatto che la televisione non sia più controllata completamente da Berlusconi è un eufemismo. Mediaset è rimasta identica, quindi ben 3 reti al suo servizio. La Rai, praticamente pure, fatta eccezione per Rai3 e Santoro. E poi a sorpresa è apparso un Luttazzi su La7. Ma cosa cambia? Pensi veramente che tutti i super fan di Berlusconi guardino queste trasmissioni e ne rimangano illuminati?

Può succedere che:

1) Non li guardano nemmeno, perché Santoro è uno stronzo arrogante comunista, in coppia con quell'altro di Travaglio è insopportabile. E non fanno altro che parlar male di Berlusconi. Con Luttazzi, peggio di peggio perché oltre ad essere antipatico, arrogante etc. è pure volgare, dice le parolacce, parla di cacca, del papa, del papa e della cacca, di Berlusconi del papa e della cacca etc. Quindi evitano tutta la "propaganda di sinistra".

2) Li guardano e pensano: ecco, se n'è andato Berlusconi e la sinistra ne ha subito approfittato per prendere il controllo di tutte le televisioni e parlarci male di Berlusconi.

Del resto, la linea politica oppositoria della destra è stata un continuo piangersi addosso dando la colpa di ogni cosa alla sinistra.

Non basta quindi che i vari Santoro, Travaglio, Luttazzi ci siano... perché se la gente si tappa le orecchie o filtra le cose a modo suo, è inutile. Questi personaggi possono spingere a ragionare chi è disposto a ragionare, a mettersi in discussione, a rivedere le proprie idee, ma non chi si è fatto lavare il cervello.

_________________
Qualcuno si è lamentato della mia vecchia firma e, quindi, l'ho sostituita con questa.
ilSignorCarlo
ilSignorCarlo
Silvio Berluschino
Silvio Berluschino

Number of posts : 1417
Age : 39
Registration date : 2007-12-09

http://www.blogdegradabile.net

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by Kujo on Sat 07 Jun 2008, 18:23

ilSignorCarlo wrote:
Già tutta questa gente ha subìto il lavaggio del cervello, perché altrimenti non si spiega perché creda a Berlusconi. In ogni caso, continuerà a credergli.

... Santoro. E poi a sorpresa è apparso un Luttazzi su La7. Ma cosa cambia? Pensi veramente che tutti i super fan di Berlusconi guardino queste trasmissioni e ne rimangano illuminati?

Non li guardano nemmeno, perché Santoro è uno stronzo arrogante comunista, in coppia con quell'altro di Travaglio è insopportabile. E non fanno altro che parlar male di Berlusconi.

Li guardano e pensano: ecco, se n'è andato Berlusconi e la sinistra ne ha subito approfittato per prendere il controllo di tutte le televisioni e parlarci male di Berlusconi.

la gente si tappa le orecchie o filtra le cose a modo suo, è inutile. Questi personaggi possono spingere a ragionare chi è disposto a ragionare, a mettersi in discussione, a rivedere le proprie idee, ma non chi si è fatto lavare il cervello.

Ma aspetta, forse mi sono spiegato male...
Io con queste cose concordo.
Però a questo punto non parliamo più di semplice ignoranza capisci?
Una volta si poteva dire "Vota Berlusconi perchè non sa che c'aveva lo stalliere mafioso" (per dire una cretinata).
Ma ora no. Lo sanno c'è c'aveva lo stalliere mafioso. Però chi lo dice è di parte, è fazioso, tutti perseguitano Berlusconi, le toghe rosse... O cmq sono cose non importanti perchè quella è vita privata, ma le cose che interessano ai cittadini sono pagare meno tasse e mandare fuori gli extracomunitari...
E non parlo solo della TV o di Internet. Ormai quasi tutti hanno almeno un amico che ti dice "Si ma lo sai che Berlusconi..."
Cioè siamo passati ad un livello successivo. Peggiorando. Prima magari non sapevi. Adesso sai, ma...
Probabilmente si può parlare ormai di lavaggio del cervello come dici tu. Per questo dicevo che ormai il danno è fatto. L'ignoranza la combatti con l'informazione. Ma quando arriviamo a questo punto, ci resta solo aspettare che il nano vada in pensione proprio.
Kujo
Kujo
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 606
Registration date : 2007-12-09

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by ilSignorCarlo on Sat 07 Jun 2008, 18:48

Kujo wrote:
Cioè siamo passati ad un livello successivo. Peggiorando. Prima magari non sapevi. Adesso sai, ma...
Probabilmente si può parlare ormai di lavaggio del cervello come dici tu. Per questo dicevo che ormai il danno è fatto. L'ignoranza la combatti con l'informazione. Ma quando arriviamo a questo punto, ci resta solo aspettare che il nano vada in pensione proprio.

Beh, il punto è che non c'è veramente informazione. L'informazione ci sarebbe se la maggior parte dei canali informativi fosse veramente libera e indipendente, a partire dai telegiornali che comunque penso sia il mezzo di informazione più seguito.

_________________
Qualcuno si è lamentato della mia vecchia firma e, quindi, l'ho sostituita con questa.
ilSignorCarlo
ilSignorCarlo
Silvio Berluschino
Silvio Berluschino

Number of posts : 1417
Age : 39
Registration date : 2007-12-09

http://www.blogdegradabile.net

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by Kujo on Sat 07 Jun 2008, 20:16

Sì certo anche questo è vero
Kujo
Kujo
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 606
Registration date : 2007-12-09

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by Ninus on Sat 07 Jun 2008, 20:51

O cmq sono cose non importanti perchè quella è vita privata, ma le cose che interessano ai cittadini sono pagare meno tasse e mandare fuori gli extracomunitari...

non credo proprio...le persone vogliono cacciare gli extracomunitari perchè ogni volta che sbarca una nave TUTTI i tg invece di spiegare che "sono le persone innanzitutto più ricche ed educate di quei paesi (non tutti in africa possono permettersi di pagare 2000 euro, parliamo di euro, allo scafista) che vengono in Italia a lavorare in fabbrica e in agricoltura con salari sui quali noi sputeremmo, e che è un bene che vengano perchè contribuiscono alla produzione, consumano e quindi contribuiscono in generale all'economia, e spesso quando hanno raccolto un gruzzolo necessario non tutti diventano cittadini, alcuni tornano in patria, e quelli che rimangono parlano italiano e mandano i figli a scuola", dicono "allarme immigrati!", "invasione d'immigrati sulle coste salentine e a Lampedusa".

Dopodichè hanno inventato che "solo gli immigrati stuprano le donne", "gli immigrati gestiscono la prostituzione", "gli immigrati spacciano", "gli immigrati fanno le rapine", non dicendo che "gli italiani ne stuprano di più", "gli italiani vanno a puttane", "gli italiani sniffano di tutto ed i governi non vogliono legalizzare sennò tolgono il giro alla mafia che li vota", e non dicendo nemmeno che spesso gli italiani "brava gente" a quelli che lavorano affitta una stanza a 10 persone a 200-300 euro l'una (3000 euro per una stanza con 10 letti, spesso a castello).

Tutto questo per 10-15 anni, da quando sono iniziati gli sbarchi. Come diceva Goebbels:

"Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità."
"La propaganda è un'arte, non importa se questa racconti la verità."
"Per la politica il carattere conta molto più dell'intelligenza: è il coraggio che conquista il mondo."

qualcuno ha annotato i consigli...anche se Goebbels dimenticò di specificare una cosa...che se c'è una stampa indipendente, delle tv indipendenti, le bugie non passano...chissà, avrà annotato anche questo...

Sulla questione delle tasse, beh, se tu domandassi a molte persone se fossero disposte a pagare le stesse tasse per avere una sanità che funziona meglio (magari tagliando tutti i fondi delle cliniche private "convenzionate") non so se ti risponderebbe di no. Certo dopo 15 anni di "stato ladro e Roma ladrona" ci credo.

Si potrebbero fare esempi su esempi...

a) chi ricorda cos'è la ex Cirielli e gli effetti che ha sulla certezza del diritto e delle pene? così, senza sbirciare in rete...
b) chi ricorda di cosa parla la legge Cirami e quali effetti potrebbe avere sulla durata di un processo?
c) chi sa cosa s'indente per sospensione condizionale della pena? perchè ormai è inutile? perchè è preferibile la prima alla situazione di adesso?

chi sa che

Gli omicidi sono in netto e costante calo, nel 2005-2006 ne sono stati commessi in Italia il numero più basso degli ultimi trent’anni. Sono stati 621 nel 2006, contro gli oltre 1600 del 1991.

Gli stupri e le violenze alle donne ed ai minori sono un problema gravissimo, ma perché non rivelare che i tre quarti di essi vengono commessi all’interno del nucleo familiare? L’informazione si concentra su quelli compiuti da estranei, che sono solo il 3,5% del totale, e tra questi grande spazio è dedicato alla “belva” albanese o romena di turno.

Del resto la quota di stranieri regolari denunciati sul totale degli stranieri regolari in Italia si ferma al 2% circa.

Il discorso cambia quando parliamo degli immigrati irregolari: questi hanno compiuto nel 2006 il 68% dei “furti con destrezza” o il 45% delle “rapine in pubblica via”. Il rapporto sfata anche un luogo comune, che gli immigrati irregolari siano un numero enorme, simile a quello dei regolari. In realtà, spiega il rapporto del ministero, “non hanno mai superato il 15% delle presenze regolari”. La Caritas calcola che, con l’annessione di Bulgaria e Romania nell’Ue, oggi non superino le 100mila unità.

Tale condizione è però “congenita”, dovuta al fatto di non essere italiani? Certamente no! È il frutto di precise leggi, adottate dall’inizio degli anni novanta, che hanno diviso in maniera artificiale gli immigrati regolari da quelli clandestini ed hanno costretto questi ultimi in uno stato di totale precarietà ed emarginazione.

Ieri i criminali erano i marocchini, prima c’erano gli albanesi, oggi sono i romeni. Queste campagne a mezzo stampa e TV, hanno il compito di fare dimenticare presto i problemi reali: la casa, il lavoro, lo stato sociale.

Questi sono dati del Ministero dell'interno e sono presi da un opuscolo contro il razzismo preso dal sito comunista Falce e Martello.
Già è assurdo il fatto che il ruolo di riportare i dati reali viene lasciato ai "comunisti rossi brutti e cattivi".
Figurati a passarlo in giro...ma chi lo dice, i comunisti? Bah, allora sono scemenze...anche se prendono i dati dal Ministero dell'Interno.

Da 15 anni in Italia c'è una situazione anormale nell'informazione, e stiamo vedendo come la sola tv possa influenzare gli umori di un paese grande quanto l'Italia.

Sappiamo tutto di Cogne ma non sappiamo nulla sullo stato della giustizia, sulle leggi che favoriscono la delinquenza e su chi le ha fatte. Guarda caso è lo stesso personaggio che sguinzaglia le tv da 15 anni con la storia degli immigrati terroristi.

In Italia esistono anche i giornali, e chi non si vuole informare è un ignorante o un semi analfabeta...naturalmente in democrazia votano tutti...
Ninus
Ninus
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 710
Città : natale
Registration date : 2007-12-29

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by Shelby on Sun 08 Jun 2008, 14:59

E' assolutamente vero, in particolar modo tutto quanto detto sulla questione dell'informazione.
A questo punto, però, vorrei introdurre un pensiero di cui mi sto convincendo ultimamente: la gente, oggi come oggi, non è poi così diversa da un periodo x del recente passato (facciamo 8 anni fà per esempio o solo 2 anni fà), la differenza, seria e tremendamente imbarazzante, sta nel fatto che, in questo momento storico, sono proprie le istituzioni a legittimare alcuni atteggiamenti razzisti e di bassa lega, che, sono convinta, esistessero anche prima nelle menti della gente, ma che non venivano espresse così chiaramente, poiché esisteva una sorta di ritegno che ora non c'è più.
Per intendenderci: non è che la gente odiasse meno i Rom o gli stranieri prima di qualche anno fà, solo che prima nessuno si permetteva di insultarli per strada o di prenderli a botte sapendo che poi sarebbe stato acclamato ed avrebbe rivevuto APPLAUSI (cioè ce ne rendiamo conto?nemmeno fossimo allo stadio) o la polizia non si permetteva di far scendere solo gli stranieri dall'autobus per controllare i loro documenti, dividendoli tra uomini e donne per poi portarseli in Questura o cose del genere, come se ci fosse una sorta di persecuzione nei confronti del diverso o di chi, ad occhio nudo, potrebbe "non essere italiano", ricordiamoci che l'esser straniero non è un reato.

Siamo alle soglie di un'era di razzismo ed ignoranza, intendendo per essa non solo la mancanza di conoscenza, ma soprattutto di cultura e sensibilità, umana, in primo luogo, ma anche di diritto e legalità; altrimenti non si spiegherebbe come la sicurezza pubblica si tramuti in mancanza di diritto e razionalità, ribadisco, soprattutto nelle scelte politiche dei governanti e, conseguentemente, nelle politiche che decidono di mettere in atto per risolvere i problemi della società.

Ora in tutto ciò, ditemi, secondo voi chi potrebbe rappresentare questo nostra società, se non Berlsuconi e la sua cricca?
Shelby
Shelby
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 960
Age : 41
Città : Bologna
Registration date : 2007-12-09

http://essemmesse.blogspot.com/

Back to top Go down

In che paese viviamo? Che livello di cultura? Empty Re: In che paese viviamo? Che livello di cultura?

Post by Sponsored content


Sponsored content


Back to top Go down

Back to top


 
Permissions in this forum:
You cannot reply to topics in this forum