Would you like to react to this message? Create an account in a few clicks or log in to continue.

Software proprietario: ciclo produttivo

Go down

Software proprietario: ciclo produttivo Empty Software proprietario: ciclo produttivo

Post by ilSignorCarlo on Mon 21 Jul 2008, 13:01

Su questo blog viene descritta una situazione "ipotetica" di produzione e messa in commercio di un software proprietario. E' affrontato in modo piuttosto generico con numeri a caso, però può rendere bene l'idea.

http://guiodic.wordpress.com/2008/07/20/il-perverso-mondo-del-software-proprietario/

_________________
Qualcuno si è lamentato della mia vecchia firma e, quindi, l'ho sostituita con questa.
ilSignorCarlo
ilSignorCarlo
Silvio Berluschino
Silvio Berluschino

Number of posts : 1417
Age : 39
Registration date : 2007-12-09

http://www.blogdegradabile.net

Back to top Go down

Software proprietario: ciclo produttivo Empty Re: Software proprietario: ciclo produttivo

Post by Wick on Mon 21 Jul 2008, 17:28

Articolo davvero interessante che spiega per bene alcune delle implicazioni del software proprietario (buuuuh! Buuuuuh!).

Per come la vedo io (credo di averlo già scritto qui da qualche parte) il discorso di fondo è semplice semplice: il software proprietario fa sempre e comunque il gioco dell'azienda che lo produce, il software libero deve render conto solo all'utente. Infatti non avrebbe senso, chessò, un software libero che promuova e spinga per un nuovo formato di file che lui e lui solo potrebbe leggere, così come al software proprietario non conviene fare in modo che dato software legga tutti i formati file - cosa che invece farebbe mooooolto comodo all'utente, in quanto potrebbe essere lui a scegliere che tipo di file utilizzare, continuando questo esempio.

_________________
Software proprietario: ciclo produttivo Tabujy2

Se voglio ballare mi iscrivo ad un corso di danza.
Wick
Wick
Silvio Berluschino
Silvio Berluschino

Number of posts : 1084
Age : 35
Registration date : 2007-12-09

http://blogdegradabile.net

Back to top Go down

Software proprietario: ciclo produttivo Empty Re: Software proprietario: ciclo produttivo

Post by Ninus on Mon 21 Jul 2008, 20:56

Fantastico.

Mi ha messo il dubbio su quale sia la percentuale degli stipendi dei programmatori sul totale dei ricavi. Quando mi trovo da quelle parti magari passo dalla camera di commercio di Seattle per dare una spulciatina. Software proprietario: ciclo produttivo 207830
Ninus
Ninus
Cazzone impermeabile
Cazzone impermeabile

Number of posts : 710
Città : natale
Registration date : 2007-12-29

Back to top Go down

Software proprietario: ciclo produttivo Empty Re: Software proprietario: ciclo produttivo

Post by ilSignorCarlo on Wed 23 Jul 2008, 13:31

Ninus wrote:Mi ha messo il dubbio su quale sia la percentuale degli stipendi dei programmatori sul totale dei ricavi. Quando mi trovo da quelle parti magari passo dalla camera di commercio di Seattle per dare una spulciatina. Software proprietario: ciclo produttivo 207830

Beh, la questione degli stipendi sarebbe interessante da approfondire, anche se il nocciolo della questione secondo me non è quello. Voglio dire, un programmatore che lavori per una grossa casa produttrice di software, quale potrebbe essere l'Adobe (quella di Photoshop) oppure per la Microsoft stessa, suppongo che percepisca un ottimo stipendio. O forse mi sbaglio, boh.

La cosa più interessante che emerge dall'articolo è l'approccio di chi produce software proprietario e a codice sorgente chiuso. Il loro unico interesse è il profitto, mentre fare del buon software diventa quasi un effetto collaterale -- giustamente, se il software risulta inutile, non ci sarà profitto. Insomma, nel processo di sviluppo, l'utente, che normalmente dovrebbe essere l'obiettivo principale (il software andrebbe pensato in funzione dell'utente), passa totalmente in secondo piano, o anche in terzo o in ultimo piano. Prima di tutto viene il guadagno, quindi la protezione del proprio codice, la chiusura assoluta verso i potenziali concorrenti, l'esclusione dei concorrenti impedendo l'interoperabilità. Per il guadagno passa in secondo piano pure la questione sicurezza, che attualmente dovrebbe essere più o meno uno degli aspetti fondamentali di un software. Eppure la Microsoft, ad esempio, per ragioni unicamente commerciali (altrimenti non si spiegherebbero certe scelte) ha più e più volte evitato di risolvere certe falle note dei propri software, come l'anteprima automatica in html dei messaggi di posta in Outlook Express.

Tutto questo, il fregarsene altamente dei propri utenti, possono permetterselo perché hanno una posizione di assoluta predominanza nel mercato. I concorrenti non sono nemmeno considerati tali.

A parte tutto ciò, va anche considerato come il software proprietario non contribuisca per niente alla comunità. A parte il beneficio che se ne può ricavare dal suo utilizzo, non permette di essere studiato. Un po' come se un tempo Pitagora avesse calcolato l'ipotenusa dei triangoli a richiesta senza mai rivelarne formula :D
Sarebbe stato comodo, ma non avrebbe contribuito al progresso scientifico.

_________________
Qualcuno si è lamentato della mia vecchia firma e, quindi, l'ho sostituita con questa.
ilSignorCarlo
ilSignorCarlo
Silvio Berluschino
Silvio Berluschino

Number of posts : 1417
Age : 39
Registration date : 2007-12-09

http://www.blogdegradabile.net

Back to top Go down

Software proprietario: ciclo produttivo Empty Re: Software proprietario: ciclo produttivo

Post by Sponsored content


Sponsored content


Back to top Go down

Back to top


 
Permissions in this forum:
You cannot reply to topics in this forum